Sepolture, 2012

Standard

*
Il caffè appena tolto dal fuoco
nella tazzina
doveva essere non bollente
rovente.
.
Le tante sigarette
una dopo l’altra
anche coricati
in una stanza azzurra
come in un’attesa
senza orizzonte
ai London’s docks,
la nebbia.
.
E noi stretti.
.
Il rumore ritmico
dei flutti
portavano corpi
serrati uno contro l’altro
ore consumate
tatuati uno sull’altro
aggrappati
alla scialuppa, nudi.
.
Il dolore che seppellisce
i ricordi

Il tempo concede perdono
credimi.

.

.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s