11 Luglio 2011, A braccia (anniversario)

Standard

***
A braccia-
.
I passi pesanti decisi
bello camminare
controvento
i bagnanti tutti che rientrano
le braccia cariche di oggetti
bambini e borse.
.
Libere si muovono le mie
non un battito di volo ma
al passo con le scarpe sul molo.
.
Come speravo che tu le avresti decorate tutte,
quelle della tua mamma,

.
   … – esco un attimo dalla mia parte, rientro subito –

.

con la penna biro, circolari carezze d’amore in punta,
con lo sguardo attento sulla pelle,
il mio sui tuoi capelli leggeri.
.
Puntuali gli occhi
si incontravano, un sorriso esplicito tra le ciglia,
che piangevo dentro
.
non avrei mai voluto lavarlo più il tuo segno,
mai farti scomparire, ricamo,
finchè la pelle stropicciava
con gli anni, due mesi fa scorrevi via,
tu che non sei venuto mai.
.
A braccia ci si muove nella vita
soli, i bugiardi sono ombre a se stessi,
non bisognerebbe mai amarli,
ti trascinano nella loro spirale
e la notte, le ombre scompaiono.

.

(11 Settembre 2011)

.

.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s