Come muore un cane

Standard

Sunday’s posts are dedicated to Italian Poetry

*

come muore un cane

rannicchiato sempre

più stretto tra lunghi sonni

camminando a malapena

su due gambe quelle davanti

tremando quando mangia

sempre più stanco sempre

più piccolo che quasi

lo puoi prendere in braccio

dolcemente ti cerca

con gli occhi per un bacio

in più e la tua fronte sul suo naso

e per quell’attimo fermo silenzioso

prima dei miei complimenti

che incartano il magone

quella certezza che ogni

giorno insieme sia un dono

quel suo muoversi poco

sempre meno anche per

raggiungere il sole che scalda

le ossa storte doloranti

quel sospirare a fondo

quando racconta al gatto

qualcosa mentre lo segue

con gli occhi io cerco lui

e lo osservo immobile

per scovare il prossimo

respiro nella cassa toracica

ben delineata dalla magrezza

in mezzo a questa dolcezza

tra sorrisi mesti e lacrime

trattenute dentro come i fiori

che si chiudono la sera

come muore un cane

di vecchiaia

.

.

.

Ho scritto questa poesia a Giugno e la mia cagnolina fedele è morta l’11 Luglio 2020, ieri, dentro un corpo vecchio ma mi ha voluto, fino al suo ultimo respiro vicino a lei, tra carezze e sussurri e quello stupore immobile finale.

.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s