Tag Archives: imputami il peccato di voler sopravvivere

Tra un singulto… video

Standard

A short video (1’02”) of a poem read at the Festival of Literature of Arcore while I was presenting my book “Imputami il peccato di voler sopravvivere”. The book is in Italian only and can be found on Amazon.

Ecco un breve video (1’02”) di una poesia estrapolato dalla presentazione del libro “Imputami il peccato di voler sopravvivere” al Festival della Letteratura di Arcore il 17 Aprile 2016.

..

 

Il libro, scritto solo in italiano, è in vendita nelle migliori librerie come online. E’ stato pubblicato nel 2013.

.

.

 

Imputami il peccato di voler sopravvivere, il libro.

Standard

 

Imputami il peccato di voler sopravvivere è una raccolta di cinquanta poesie selezionate tra quelle scritte dall’autrice nel periodo trascorso da ottobre 2010 al mese di febbraio 2011 raccolte ora in un libro.

 

Alcune poesie possono essere lette qui sul blog, semplicemente inserendo il titolo come parola chiave, oppure potete leggerne quindici in anteprima qui:

http://blur.by/1lem6aO

 

C’è anche la versione e-book:

http://store-it.blurb.com/ebooks/473464-imputami-il-peccato-di-voler-sopravvivere

.

.

2012-04-06 18.43.07.

.

Imputami il peccato di voler sopravvivere is a compilation of fifty poems selected among the ones written by the author between October 2010 and February 2011 now published in a book. The book is in Italian only.

 

Some poems can be read here on the blog simply by inserting the title Imputami il peccato di voler sopravvivere (Ascribe To Me The Sin Of Survival) or you can find a preview of fifteen pages here:

http://blur.by/1lem6aO

 

Here is also the e-book version:

http://store-it.blurb.com/ebooks/473464-imputami-il-peccato-di-voler-sopravvivere

 

Looking forward to publish something in English too for my English readers.

.

.

.

Imputami il peccato di voler sopravvivere, 2011

Standard

*

Attendo –

non conosco nulla oggi –

esploro ma senza connessione.

.

Attendo e spingo nel fondo delle tasche

poco profonde

la paura.

.

Non so cosa vivi

cosa pensi, se mi pensi, cosa farai.

Non so cosa penso, cosa farò, cosa voglio,

se mi vivo.

.

Vorrei averti, vorrei lasciarti indietro.

.

Attendo

come un suono nelle orecchie

lontano

unghie che graffiano un vetro

che cercano scalfendo

un’entrata al futuro.

.

Non temono di rompersi.

Io, un pò temo.

Attendo.

.

.

IMG_3815 copy

Imputami il peccato di voler sopravvivere, gennaio 2011

Standard

*

Tu andato
immagine sfuocata
come l’occhio coperto di lacrime
ti ha visto l’ultima volta

.
tremulo

.

più delle mie labbra
troppo lontane
dalle mie mani
serrate.

.

.

2013-05-09 17.32.25

Imputami il peccato di voler sopravvivere, dicembre 2010

Standard

*

Mischio alla polvere la luce
che si libra consistente.

.
Vago, io stremata e senza luogo per dormire,
attendo, inutile,
dissuasa.
Nessuna intromissione.

.
La mia notte non si sporge oltre
il giorno tarda.

.
Nel frattempo
mi stempero.

.

.

2013-04-14 12.34.12

Imputami il peccato di voler sopravvivere, dicembre 2010

Standard

*

.

Neghiamo di
navigare il mare delle possibilità

.
vorremmo occhi
persi oltre l’orizzonte
senza allontanarci dal porto

.
vorremmo sogni
senza risvegli
notti senza fine a coprire i nostri desideri

.
vorremmo l’isola
senza intromissioni
senza.

.

.

2013-04-13 18.17.17

Imputami il peccato di voler sopravvivere – Ottobre 2010

Standard

***

Ci ascoltavamo

senza parlare.

La lentezza

dello sguardo

.

.
dava alla

nostra storia

un ritmo lento

.
diluito.

.

.
Conoscevamo

orizzonti

fuori

dall’inquadratura.

.

.
Mettevamo a fuoco

ogni cosa e forse

.

.
ci siamo spaventati.

.

.

IMG_3803 copy

Video Poetry – Video poesia

Standard

Welcome back! Here are a few links to a new project of video poetry.

I had this project in mind for a long time: I was quite frustrated by the lack of time to bring it to completion, then, as it usually happens, things started to come together.

Therefore I accepted gratefully when a handful of my students from my photography course quite casually asked me if they could use their pictures to do a slide show of my poetry. Next I asked to a kind and creative friend if he could help with the music and the recording.

Shortly before this project started, a poet from Texas now living in Italy, was organizing an international poetry contest. She selected some of my poetry and asked me for audio tracks of the same to publish with the written version.

In the meantime an italian writer had asked me for some poems to be included in a book he was writing on Slam Poetry in Italy. He needed, beside the texts, to have some video where I was reading my poetry, with the voice and and rhythm I use during readings and slams.

Well, suddenly these video poems had to be made.

These are the results of a work done, for once, not all by myself but in a team, which is where my life is taking me. Results of which I’m very happy.

Have a look and subscribe to the channel on YouTube. Some are in English some in Italian. Thank you.



Bentrovati! Qui aggiungo una manciata di link a un nuovo progetto di video poesia.

Il progetto mi girava in testa da anni, con non poca frustrazione per la solita mancanza di tempo per realizzarlo poi, come succede, le cose hanno cominciato ad avvenire.

Così ho accettato con gratitudine l’offerta, ventilata quasi casualmente, di alcuni miei studenti del corso di fotografia in accademia, di creare degli slide show con le loro foto, le mie poesie, la mia voce. Poi ho coinvolto un amico, gentile e creativo, per le basi musicali e le registrazioni audio.

Succedeva che, nel frattempo, pochissimo tempo prima della realizzazione effettiva di questo progetto, una poeta texana, immigrata in Italia, organizza un concorso di poesia internazionale. Seleziona alcune mie poesie ma mi chiede alcune tracce audio delle stesse da pubblicare insieme alla versione scritta.

Anche uno scrittore e poeta italiano che mi aveva richiesto alcune poesie, per un’antologia che avrebbe scritto sullo Slam Poetry in Italia, mi chiede di dargli oltre ai testi dei video dove io leggevo le mie poesie, con il tono di voce che mi caratterizzava durante i reading e gli slam.

Insomma, di colpo la cosa andava realizzata e questi sono i primi risultati di un lavoro, per una volta non compiuto in solitario ma in team, che è dove la mia vita mi sta portando. Risultati dei quali io sono molto felice. Dateci un’occhiata cliccando sui link sopra o con il copia incolla.

Imputami il peccato di voler sopravvivere — 02/2011

Standard

*

.
Amerei essere nei tuoi occhi stasera
stretta
amerei tenerti nel mio sorriso
ampio
dolcezza mi accarezza scivola
come al risveglio
si adagia lentamente nella luce
fuori
allungandosi ed indugiando nel calore
dentro
ti vorrei
come una risata
lunga
nella rete.

.
.
.
.
**

.
I solchi delle pieghe del letto
sulla mia pelle ti sorprendono,
liquida la credevi,
non rena,
pronta a ricevere l’impronta,
tenera.

.
.
.
.
***

.
La notte sospende
e su un filo
teso sul silenzio
si scrivono,
a passi lenti e decisi
-una danza,
i pensieri.

.
.
.
.
****

.
Con te vorrei ci fosse un’amicizia
di baci e carezze,
dolcissima
di sguardi e sorrisi,
senza pensieri di possesso o di tradimenti.
.
Da te vorrei ammirazione
e supporto, uno sguardo
che sia come tenerci la mano.

.
.
.
.
Key lock church Andora

Imputami il peccato di voler sopravvivere — 02/2011

Standard

***

Autostrada la notte.

I tuoi baci già mi accasciano.

Faticavo a rientrare

rotte familiari affrontate con esasperata lentezza.

Dolcezze velocemente assorbite.

.

Ferma in autostrada

a lato corsia

ricordando,

al suono del freno d’emergenza

impeti di dolcezza,

con le tue mani appoggiate,

rimaste sopra,

impronte

su carne docile.

.

Saliva morbido il tuo sapore

sul mio corpo

riparto

in movimento

spero di lasciarti indietro

in questo cielo

di vertigine.

.

.

***
Attendo-

Non conosco nulla oggi-

esploro ma senza connessione.

.

Attendo e spingo nel fondo delle tasche,

poco profonde,

la paura.

.

Non so cosa vivi

cosa pensi, se mi pensi, cosa farai.

Non so cosa penso, cosa farò, cosa voglio,

se mi vivo.

.

Vorrei averti, vorrei lasciarti indietro.

.

Attendo

come un suono nelle orecchie

lontano

unghie che graffiano un vetro

che cercano scalfendo

un’entrata al futuro.

.

Non temono di rompersi.

Io un pò temo.

Attendo.

.

Arianteo Cinema all'aperto in una notte di pioggia. Luglio 2011.