Tag Archives: poema

Passi sul lago

Standard

*
in cammino un nuovo viaggio
.
varco le frontiere sempre con
quel vago senso di guerra dentro
.
quasi non ne esistono più
quelle interne non smettono di erigersi
 .
invisibili e forti io con lacrime
martello e stupore picchio forte

.

.

2013-10-16 14.58.21

Passi sul lago

Standard

*
sarà questo tragitto
mi inceppa sempre il pensiero
togli il giallo tutto muta grigio
.
i prati e i monti autunnali
sono nuvole basse una spugna
e l’umido entra dentro fino in fondo
.
non comprendo una vita così
non posso indugiare la fretta
ai piedi spinge sarò colore

.

.

2013-10-05 16.16.31

Passi sul lago

Standard

*
attendevi il mio silenzio
come un via per raccontare
per sentir sollievo
.
buttar fuori in parole
dare una forma al dolore
raddrizzare la piega del tuo cuore
.
ieri ho trovato in una borsa
di tela i vestiti di un amante
scordato uno dei più crudeli
.
sono un bastardo diceva la maglia
quando la indossava pensavo
indicasse un altro non leggevo
.
era veloce di parole e pensiero
infedele dentro sempre
da lui non c’era riparo
.
tu non aver rammarichi
hai contato  sulla sincerità
e la compagnia fedele
.
quei vestiti larghi copriranno
un immigrato troverà gratitudine
tra le fibre a me maleodoranti
.
ti porgo un abbraccio e giungo
con una storia di attese speranze
le mie mani sono tornate lisce

.

.

2013-10-05 16.10.56

Passi sul lago

Standard

*
perdevo fiato
per raggiungere il treno
la scelta era di starti vicino
.
lasciando lontano i colori estivi
portavi una tavolozza di grigi mesti
avevi già addolcito il nero
.
una bottiglia piccola di acqua, riciclata,
dondola tra i sedili e io mi chiedo cosa donarti
le mani vuote non sanno dove accomodarsi
.
noto le unghie in disordine
le nascondo non graffiano
un cuore colmo di domande

.

.

2013-10-05 16.16.18

Quaderni californiani, 2013

Standard

*

mi adorna

un sorriso inaspettato

.

io che attendo poco e vivo

d’ora che esploro sorvolando

.

non trattengo più nulla lascio

che il movimento accada e non ho

 

indirizzi, punte di spilli o di matite

mi trovo felice tra le ultime tre righe

.

 

IMG_9275.

Quaderni californiani, 2013

Standard

*

resto

immobile e non per il caldo

per osservare meglio questo silenzio

denso di suoni appena percettibili

il cielo un colore unico intenso

vedo ali vellutate muoversi

senza rumore, non trovano ostacolo

.

neppure il colibrì fa rumore

finalmente riposo

il desiderio sale

 .

di non volersi muovere

mai più per restare a osservare

la luce cadendo tagliare le valli

.

.

IMG_9294

Ottantanove piani, alla memoria 9-11

Standard

Ottantanove piani

 .

.

Ottantanove piani non fanno un concerto,

ma una tragedia silenziosa.

 .

In tre salgono controsenso verso

una manciata di condannati, la porta è bloccata.

Un buco poi un pugno passa il muro, due visi

appoggiati a una parete

si ascoltano respirare. L’ultimo del piano

racconta, l’incendio infuria contro il cielo, e loro

 .

trecento metri per raggiungere terra, duemila scalini

lenti e calmi  contro il terrore. Quanti pensieri

silenziosi, prepotenti tra un passo e l’altro,

lacrime implose, disperatamente forti.

Fuori cenere, brandelli e corpi

varcano l’aria, scomposti tetri fuochi d’artificio,

causa del silenzio più abbagliante. Il terrore,

mi hanno raccontato, è bianco.

.

.

.

Questa poesia è pubblicata nell’antologia “Storie in 100 parole”, edizioni Erudita di Giulio Perrone, presentata in questi giorni a Roma.

Il racconto è dedicato ai tre pompieri che hanno perso la vita durante la tragedia delle Torri Gemelle a New York nel 2001. Con gratitudine.

Un volo oltre, luglio 2013

Standard

*

.

sono luoghi

geografici

.

spilli su una carta

punte di biro

 .

pensati ora

vissuti prima

 .

in un sogno

camminavamo

.

non incrociandoci

più gli occhi chiusi

 .

se guardiamo

la trama sale

.

conoscenza

di altri luoghi

.

.

2013-08-05 20.31.49

Un volo oltre, luglio 2013

Standard

*

.

corse

ridicole

ogni singolo giorno

 .

comprendo

che non servono

al futuro una gabbia

 .

cerco la chiave

per il volo dentro

un’oceano sereno

 .

rafforzo

le gambe e le

braccia per afferrarti

.

.

2013-08-01 20.37.36

Un volo oltre, 2013

Standard

*

sono paesaggi

che mancano

crescono nella mia

vita immaginata

.

capovolta

per raggiungerti

dove muta il tempo

e non abbiamo lancette

.

siamo figure che

non vogliono più

il silenzio ideale

delle foto

.

scrittura che urla

che non rispetta le righe

oltre il tempo sopra

gli oceani onda

.

.

2013-07-29 14.51.16